Confintesa Latina al fianco degli allevatori e pastori sardi

La protesta degli allevatori e dei pastori sardi è la conseguenza dell’invasione del latte straniero nel nostro Paese che penalizza i produttori di latte italiano. Confintesa Latina chiede al Governo di aprire un serio tavolo di confronti e prendere un impegno preciso per consentire ai produttori dell’isola di tornare a lavorare con la prospettiva di non dover rimetterci altro denaro e rischiare di chiudere le attività. Pagare 60 centesimi un litro di latte che all’allevatore costa 74 vuol dire aprire la strada al fallimento dell’intera filiera che invece va difesa e valorizzata rappresentando un comportato fondamentale per l’intera economia. Il sindacato chiede all’esecutivo nazionale di dar vita ad una politica agricola che non favorisca più i mercati stranieri ma guardi ai propri prodotti che, per qualità, non sono di certo inferiori a nessuno.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...