Pandemia, licenziamenti, morti sul lavoro: l’Italia è in ginocchio

Pandemia, licenziamenti via WhatsApp, morti sul lavoro: l’Italia è in ginocchio. A denunciare le difficoltà del mondo del lavoro è Confintesa attraverso il suo Segretario Generale Francesco Prudenzano: “Per comprendere la grave situazione del lavoro in Italia ora abbiamo ancora un altro morto sul lavoro a distanza di poco più di un mese dall’ultimo grave incidente che tolse la vita di Luana D’Orazio stritolata da un orditoio in una fabbrica in provincia di Prato”.

L’ennesimo incidente che è costato la vita ad un’operaia madre di una bambina di quattro anni. “Una giovane donna di quarant’anni è stata stritolata da un macchinario in una fabbrica in provincia di Modena che si occupa di packaging e lavorazione della carta. Non è possibile che, nel giro di 50 giorni, si debba registrare l’ulteriore morte sul lavoro di una giovane donna senza che, una volta per tutte, si mettano le strutture competenti, nel caso specifico l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, nelle condizioni di effettuare i dovuti controlli a tappeto.

Ormai siamo di fronte ad una vera emergenza e il Ministero del Lavoro, Organo vigilante dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, è ora che apra gli occhi sulla carenza di personale ispettivo e corra ai ripari aumentando organico e risorse a disposizione degli Ispettori che oltretutto, giusto per inciso, operano con automobili proprie”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...